I TOP 10 Sport per dimagrire tanto e subito

dimagrire-sport

La classifica sport il Vostro benessere

Morale, se si vuole dimagrire in modo efficace, duraturo e sano, bisogna fare sport.

 

 

«L’ideale è almeno un’ora e mezza di esercizi un paio di volte la settimana»

Ecco la classifica degli sport che fanno bruciare più calorie, con la frequenza ideale per chi vuole dimagrire e le avvertenze per non farsi male: arti marziali, pallacanestro, free climbing, calcio, tennis, scherma, jogging, nuoto, trekking e ciclismo.

 

ARTI MARZIALI: 1.300 calorie l’ora

Dall’aikido al karate , dal judo alla kick boxing, dal kung fu al taekwondo. In queste discipline di combattimento il training prevede una parte aerobica in cui si allena il fiato e una in cui si potenzia la muscolatura, il tutto migliorando la coordinazione e l’agilità. L’attività è dunque completa e, oltre a far bruciare molte calorie (1.300 l’ora), migliora il fisico in ogni suo aspetto.

Frequenza ideale: massimo tre volte la settimana.

Avvertenza: le arti marziali sono sport impegnativi e possono essere traumatici, per questo vanno praticati soltanto da chi è in perfetta salute.

 

PALLACANESTRO: 840 calorie l’ora
La pallacanestro è uno sport faticoso. Si gioca a ritmi alti e si compiono in continuazione gesti esplosivi che tonificano l’intera muscolatura delle gambe, mentre alle spalle è richiesto un lavoro di resistenza. Ottimo l’effetto spazzagrassi: fa consumare 840 calorie l’ora.

Frequenza ideale: tre volte la settimana per almeno un’ora, oppure due allenamenti più la partita.

Avvertenza: la pallacanestro non va bene per chi ha problemi alla schiena o alle ginocchia.

FREE CLIMBING: 700 calorie l’ora

Con il free climbing si consumano 700 calorie l’ora. L’arrampicata libera, che sia su una parete rocciosa o indoor (in palestra), comporta sforzi in contrazione muscolare, con necessità di sviluppare sia forza massima sia resistenza.
Sollecita tutti i muscoli del corpo con particolare enfasi su quelli delle mani e degli avambracci. Essendo fatto di gesti brevi e intensi, il free climbing difficilmente porta l’organismo in regime aerobico, ma a lungo andare provoca l’accumulo di acido lattico che fa diminuire la capacità di lavoro muscolare. Maggiore è il peso, maggiore è la fatica.

Frequenza ideale: un paio d’ore due o tre volte la settimana.

Avvertenza: il free climbing non è indicato a chi ha problemi articolari e alle persone in forte sovrappeso. Mette a dura prova i tendini degli arti superiori e necessita quindi di un allenamento mirato.

CALCIO: 700 calorie l’ora

Lo sport nazionale, praticato da schiere di amatori con amici e colleghi, aiuta a mandar giù la ciccia. Nei 90 minuti di una partitella di calcio al campo affittato, un uomo di 70 chili brucia ben 1.050 calorie. Alternare corsa blanda e continua a movimenti esplosivi richiede forza e resistenza. In particolare, il calcio tonifica i muscoli delle gambe.

Frequenza ideale: due allenamenti a settimana più la partita.

Avvertenza: il calcio è sconsigliato a chi ha problemi articolari. Attenzione ai flessori della coscia, agli adduttori e ai polpacci, muscoli delicati che vengono messi a dura prova.

TENNIS: 660 calorie l’ora

Il tennis alterna fasi di lavoro in altissima intensità a tempi morti e fa dimagrire solo se praticato a lungo, almeno un’ora e mezzo a partita: fa bruciare 660 calorie l’ora. Sollecita in particolare le gambe e la spalla della racchetta, anche se coinvolge la muscolatura di tutto il corpo. Essendo uno sport asimmetrico, richiede una ginnastica di compensazione, cioè un allenamento specifico del braccio che non lavora con la racchetta.

Frequenza ideale: tre volte la settimana almeno un’ora e mezzo.

Avvertenza: occhio al classico gomito del tennista. Anche le ginocchia e la schiena, nel tennis, sono messe alla prova dai terreni duri e dai continui cambi di direzione.

SCHERMA: 600 calorie l’ora

I rapidi assalti della scherma , che richiedono forza esplosiva, inframmezzano la lunga fase di studio in cui necessitano fiato e resistenza. A essere più sollecitati dalla scherma sono i muscoli degli arti inferiori, del braccio che impugna l’arma e dell’addome. Come per il tennis, risulta necessaria la ginnastica compensativa. Questo sport fa consumare in media 600 calorie l’ora.

Frequenza ideale: minimo due volte alla settimana, anche tutti i giorni.

Avvertenza: i rischi della scherma riguardano i traumi alle articolazioni delle gambe e della spalla con l’arma. La scherma non è adatta in presenza di ernia del disco o di patologie lombosacrali. Da sconsigliare anche per chi soffre di cervicale: la maschera di circa un chilo e mezzo sulla testa affatica il collo.

JOGGING: 540 calorie l’ora

Il jogging è l’attività migliore per perdere peso, all’aperto o sul tapis roulant della palestra. Oltre ad avere un dispendio calorico notevole (540 calorie l’ora), la corsa mette in moto il metabolismo aerobico che brucia i grassi.
Esiste una formula per individuare l’intensità ideale: si sottrae la propria età alla cifra 220 e si calcola il 70% del totale. Il risultato è il numero di battiti cardiaci al minuto da tenere durante la corsa (si misura grazie a un cardiofrequenzimetro). Un sistema empirico consiste nel correre alla velocità massima che consenta di chiacchierare tranquillamente con un compagno: se si ha il fiatone e non si riesce a parlare si sta andando troppo veloce.

Frequenza ideale: dopo un inizio graduale, un’ora due-tre volte la settimana.

Avvertenza: ipertesi e cardiopatici non devono stressare il sistema cardiocircolatorio con allenamenti troppo intensi di footing. Negli obesi, il carico dell’esercizio che si va a sovrapporre al peso comporta il rischio di microtraumi. La corsa è da evitare in caso di patologie alla schiena degenerative, artrosi, osteoporosi conclamata, vene varicose, difetti ai piedi.

NUOTO: 450 calorie l’ora

Il nuoto è uno sport completo che allena tutto il corpo, con particolare enfasi sui muscoli di spalle e gambe: fa bruciare in media 450 calorie l’ora. Inoltre, lavorare con meno gravità grazie alla spinta di Archimede rende il nuoto un’attività a basso impatto traumatico.

Frequenza ideale: un’ora due volte la settimana.

Avvertenza: il nuoto è controindicato in caso di lombalgie acute e croniche. Chi ha un’accentuazione della curva dorsale non deve fare stile libero, solo dorso. Chi ha la scogliosi deve praticare esercizi di compensazione a corpo libero. Limitazioni per chi ha problemi di ernia del disco: da escludere la farfalla e la rana.

sport_sosestetica

TREKKING: 400 calorie l’ora

Trekking deriva dal verbo inglese to trek, che significa camminare lentamente o anche fare un lungo viaggio. Chiunque può scegliere, in base al livello di forma fisica, la durata e la difficoltà di un percorso. Nei casi più estremi, una giornata con racchette e scarponcini può far consumare fino a 4.500 calorie, ma certo non tutti possono permetterselo.
Oltre a far dimagrire (in media si bruciano 400 calorie l’ora), il trekking allena le gambe. Quando si è allenati, si può camminare in montagna due o tre ore anche ogni giorno, mentre passeggiate più lunghe richiedono almeno un giorno di riposo a settimana e un’alimentazione rinforzata.

Frequenza ideale: dopo un inizio graduale, anche due-tre ore al giorno.

Avvertenza: il trekking non è adatto a chi ha problemi articolari o alla schiena. Importante portare sempre con sé da bere e da mangiare. Per una camminata di tre ore bastano un paio di litri d’acqua e qualche barretta energetica, mentre per sforzi maggiori è bene farsi consigliare da un esperto.
Fondamentali le calzature: comode ma protettive.

CICLISMO: 360 calorie l’ora

Affinché abbia effetti sul metabolismo, il ciclismo (foto Shutterstock) va praticato a lungo e a ritmi blandi. Considerato l’impegno non agonistico, in alcuni soggetti rispetto al jogging ) ha un costo calorico inferiore (360 calorie l’ora), quindi per avere lo stesso risultato bisognerebbe allenarsi un po’ di più, avvertono gli esperti. I muscoli stimolati sono quelli delle gambe e, in misura minore, braccia e spalle.

Frequenza ideale: tre volte la settimana

Avvertenza: la bicicletta è sconsigliata in caso di artrosi cervicale marcata, labirintite o vertigini, gravi problemi alla prostata.

 

 

fonte:http://www.ok-salute.it/benessere-fitness/09_f_sport-bruciagrassi_11.shtml

 

Potrebbero Interessarti